“Se sorrido è perché sto provando a vivere”

“Sono nato nei primi Novanta nella periferia di Milano e da pischello avevo il Booster sotto al sedere, le Air Max ai piedi e una fissa gigantesca per l’hip hop. Nonostante l’estetica standard, però, ero l’esatto opposto di quello che si definirebbe un bullo e questo, musicalmente parlando, era un problema. A quei tempi, infatti, i rapper riservavano poco spazio per tematiche conscious, impegnati come erano in estenuanti gare di apparenza: soldi, donne, rispetto della strada. Nel 2006, però, qualcosa mi ha colpito.”

Gemello, membro degli In The Panchine e del TruceKlan, ha pubblicato Non parlarmi d’altro, un disco che in gran parte abbandona quei binari hardcore in favore di un’introspezione profonda; una cosa insolita in quel periodo, ancor di più se consideriamo il background da cui il rapper proviene.

Andrea Ambrogio a.k.a. Gemello è una testa uragano. Ci trovi colore ed emozione. Come nella musica così nei suoi quadri.
Prima gli In The panchine e il Truceklan, la storia del rap.
Poi alcuni anni di silenzio che portano a 2 dischi: Niagara e Indiana e tanti successi: Sirena, Taciturnal, Stanza 106, Testa Uragano e Lucertole, solo per citarne qualcuno.

Sarà live il 31 Gennaio a Napoli al Duel Club.

BigliettI: http://bit.ly/2N53CAc
🎪 Spotify
https://spoti.fi/2EqnPfu

 

Marta Palazzo

martamariapalazzo@gmail.com